ACCIULEDDI E ORILLETTAS







2 Febbraio 2020 eccoci con la nostra rubrica #Litalianelpiatto! L'uscita di questo mese ha come tema FRITTI DOLCI E SALATI DELLA TRADIZIONE e in rappresentanza della Sardegna vi presento: gli ACCIULEDDI E ORILLETTAS .
Questi meravigliosi dolci in Sardegna sono molto diffusi nel periodo di Carnevale e sono dei dolci fritti glassati con il miele.
In Sardegna e varianti sono davvero tantissime e anche i nomi sono completamente diversi a seconda del paese in cui vengono preparati; a Bordtigali ( Nuoro ) si chiamano Lorigliettas, a Momaiada ( Nuoro ) Orullettas, a Oliena ( Nuoro ) Rugliettas, a Posada ( NUoro ) Orilletas, a Bitti ( Nuoro ) e a Pattada ( Sassari ) Origliettas, a Nule ( Sassari ) Ritzas , a Cossoine ( Sassari ) Montogadas e infine, in molti centri della Gallura Tricciulini.
Cio' che però li accomuna tutti è la base con cui vengono realizzati; la pasta violata ossia una pasta composta da farina di grano duro, acqua e strutto ( rigorosamente prodotto in casa ) che viene lavorata fino a diventare liscissima elastica e quasi bianca e il fatto che ovunque vengano fritti e glassati con il miele.  Le varianti prevedono due grandi differenze: la pasta può essere lavorata fino a formare dei cordoncini che vengono variamente intrecciati ( a treccia stretta , a cerchio, a croce ), oppure dei cordoncini che vengono poi ritagliati fino ad ottenere dei nastri da tagliare con l'apposita rotella dentata e poi modellati a fisarmonica o a ruota.  A Orune ( Nuoro ) per es. i nastri di pasta formano cinque cerchi ( unocentrale e quattro posti a corona ); in Gallura la striscia viene invece lasciata distesa ( come questi miei nelle foto ). A Oliena (Nuoro ) i cordoncini di pasta vengono intrecciati unendo anche fili di scorzette d'arancia; a Orgosolo ( Nuoro ) i cordoncini sono uniti in mazzetti e formano coreografiche composizioni. La tradizione vuole che questi dolci vengano fritti nello stutto che oggi viene sostituito con l'olio e una volta scolati vengono cosparsi o immersi nel miele o in alcuni casi spolverizzati con lo zucchero a velo. E' probabile che il nome Orillettas abbia avuto origine durante la dominazione spagnola; infatti in varie località della Spagna si preparano ancora oggi dolci molto simili a questi.





INGREDIENTI per 4 persone;

500 gr di farina di grano duro;

100 gr di strutto;

100 gr di zucchero semolato;

2 uova medie;

q.b. di olio di semi di arachide per friggere;

q.b. di scorza di arancia tagliata a listarelle;

q.b. di miele di Eucalipto.


PROCEDIMENTO:

Impastare la farina, lo strutto, lo zucchero e le uova molto energicamente e a lungo fino ad ottenere un panetto liscio e bianco ( non preoccupatevi se inizialmente la pasta sembrerà non legare, man mano che lo strutto si riscalderà cambierà consistenza ).






Una volta formato il panetto, avvolgerlo nella pellicola e riporlo in frigo per 30 minuti.
Trascorso questo tempo, prelevate dei pezzi di pasta e realizzate tanti cordoncini che poi intreccerete a due a due ( potete lasciare le trecce lunghe o arrotolarle.





In una capiente padella dai bordi alti, scaldate tanto olio quanto basta per immergere i dolci e friggeteli un pò alla volta finchè non diventano dorati.


 Scolati e adagiateli su carta assorbente da cucina. Scaldate in un tegamino il miele con le scorzette di arancia



 e quando i dolci sono ancora caldi, cospargeteli con il miele e le scorzette. :










Vi presento le mie meravigliose colleghe, rappresentanti delle altre Regioni Italiane;
Piemonte: Frittelle con farina di mais e nocciole per l'Italia nel Piatto https://www.lacascatadeisapori.it/frittelle-con-farina-di-mais-e-nocciole-per-litalia-nel-piatto/
Friuli Venezia Giulia: Strucchi fritti
https://www.blogthatsamore.it/2020/02/strucchi-fritti.html





Commenti

  1. Buonissimi anche i tuoi frittini Dani, un abbraccio :)

    RispondiElimina
  2. Un fritto assolutamente goloso, caratteristici anche per l'uso della semola di grano duro. Dolcetti veramente invitanti. Grazie per questa delizia un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Bellissimi da vedere e sicuramente deliziosi!

    RispondiElimina
  4. Come sempre nomi curiosi per le ricette sarde, ma tutte con un comun denominatore: buonissimeeeeeee!!!!! Complimenti Daniela!!!!

    RispondiElimina
  5. Non c'è che dire: il fritto (dolce o salato) piace sempre tanto, e questi tuoi dolcini son semplicemnete golosissimi!!

    RispondiElimina
  6. sembrano dei gioielli! e poi con quel miele e le scorzette devono essere deliziose! bella ricetta!

    RispondiElimina
  7. Una goduria unica! Ma perchè il fritto è sempre così buono e invitante?

    RispondiElimina
  8. Mi piace molto la descrizione di tutte le differenze che i dolci assumono di paese in paese

    RispondiElimina
  9. Una vera delizia queste frittelle Daniela, le adoro!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  10. Immagino il buon profumo dato dalle scorzette.
    Baci

    RispondiElimina
  11. Ma quanti dolci spettacolari avete in Sardegna?!?!
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina
  12. mi piacerebbe girare in lungo e in largo la Sardegna per poter assaggiare tutte queste prelibatezze che ci proponi!! Un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari