giovedì 2 marzo 2017

SU SCABECCIU







Appuntamento con la nostra Rubrica di cucina Italiana tradizionale #LItalianelpiatto, 2 Marzo 2017, PESCE, CROSTACEI E FRUTTI DI MARE.
Fiera e felice di rappresentare le due Isole Italiane, in questa ricetta dal titolo che è tutto un programma, SU SCABECCIU, vi parlo di Sardegna. Meravigliosa terra dalle bellissime coste e dal mare cristallino, ospita nel suo capoluogo uno dei mercati popolari più grandi d'Europa, il Mercato San Benedetto. La parte forse più famosa del mercato e caratterizzata dalla vendita del pesce e su tutte le tavole dei ristoranti  locali lo si può assaporare presentato in mille preparazioni.
Purtroppo in questa stagione il meteo non è stato clemente neanche da noi e questo ha comportato una notevole diminuzione del pescato isolano.
E' stato molto complicato reperire la materia prima per la preparazione di questa ricetta e quindi  non avendo trovato le Boghe o il Muggine o gli Zerri che la caratterizzano, ho optato per un altro pesce "povero" ma saporitissimo e ricco di omega 3, le Sarde, che poi non sono così rare da trovare preparate in questo modo sulle tavole sarde.
Tra le ricette tradizionali isolane , compaiono questi pesci preparati a Scabecciu, fritti nella semola e poi conditi con un delizioso condimento a base di aceto, profumi, aglio e a seconda delle zone, cipolla, capperi e vino bianco locale. Il tutto lasciato riposare almeno un giorno prima.
SU SCABECCIU  è un termine che deriva dalla parola spagnola Escabeche con il quale si intende il procedimento usato per la conservazione degli alimenti utilizzando soprattutto l'aceto.
Un piatto che vi consiglio di provare perchè vi assicuro che vi leccherete i baffi!

INGREDIENTI :

1 kg di sarde freschissime;

un bicchiere di aceto di vino bianco;

un bicchiere di vino tipo Vermentino;

uno spicchio di aglio;

una grossa cipolla;

una decina di foglioline di menta fresca e sei foglie di salvia;

q.b. di sale e olio extravergine di oliva;

q.b. di semola fine;

2 lt di olio di semi di arachide per friggere.

PROCEDIMENTO:

Lavate, eviscerate e private della testa le sarde. Apritele a libro eliminando la lisca e tutte le possibili finissime spine che si trovano solitamente ai lati del pesce.




Sbucciate la cipolla e tagliatela a fettine sottili. Sbucciate l'aglio, tagliatelo a metà e privatelo dell'anima.

In una padella antiaderente mettete dell'olio evo e fate rosolare leggermente l'aglio e la cipolla.

Aggiungete il vino, l'aceto, un pizzico di sale, le foglie di menta e di salvia tagliuzzate con le mani.
Lasciate cuocere 8 minuti senza coperchi a fiamma bassa e lasciate da parte.
















Mettete l'olio nella friggitrice oppure in una larga padella dai bordi alti.
Passate le sarde nella semola e friggetele un pò alla volta nell'olio bollente.




 Scolatele su un piatto rivestito di carta assorbente e salatele.


 Disponetele su un piatto da portata, versatevi sopra la salsa preparata in precedenza e lasciate insaporire almeno un giorno.







Vi presento i miei bravissimi colleghi rappresentanti delle altre Regioni Italiane:

Friuli-Venezia Giulia: Canoce alla busara
Lombardia: Spaghetti al ragù di pesce di lago http://www.kucinadikiara.it/2017/03...
Veneto: renga o scopeton? http://www.ilfiordicappero.com/2017...
Emilia Romagna: Strozzapreti alle canocchie http://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Liguria: linguine allo scoglio http://arbanelladibasilico.blogspot.com/...
Toscana: Linguine del pescatore http://acquacottaf.blogspot.com/201...
Marche:
Lazio:
Umbria: Baccalà con uvetta e prugne http://www.dueamicheincucina.ifood.it/...
Abruzzo: Tacconi e ceci ai frutti di mare http://ilmondodibetty.it/tacconi-e-...
Puglia: Pescatrice in umido http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/...
Campania:
Calabria: BUCATINI CU U SUCU DO BACCALLA’ http://ilmondodirina.blogspot.com/2...
Sicilia: SARDE A BECCAFICO...DI NONNA TINA http://dolcitentazionidautore.blogspot.com/...


7 commenti:

  1. Magnifiche ricette! la tua cucina isolana è molto invitante, complimenti e un abbraccio

    RispondiElimina
  2. immagino il gusto!davvero molto invitante! e complimenti per il nuovo vestitino del blog, colorato e primaverile!!! un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buonissime Elena,da provare. Grazie per il vestitino😄 Un abbraccio

      Elimina
  3. un piatto che ricorda decisamente un tipico piatto veneto, veneziano, le sarde in saor!
    buonissime!
    ciao
    ellisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa. Si è vero,lo ricorda molto! Vedi che poi non siamo tanto lontani😄 Un abbraccio

      Elimina
  4. Stupendo piatto, spiegato benissimo in tutti i passaggi! Complimenti Daniela!

    RispondiElimina