mercoledì 27 aprile 2016

SORBETTO AL LIMONE CON LA SABA



Chi mi segue avrà sicuramente letto la ricetta del PAN'E SABA che ho postato per la rubrica #litalianelpiatto in rappresentanza della Sardegna.
Ecco...qui la riutilizzo per aromatizzare questa particolare granita al limone fatta in casa, preparata senza l'utilizzo di gelatiera.
La Saba oggi meno diffusa di un tempo, era utilizzata come dolcificante o come ingrediente principale in molti dolci della tradizione contadina soprattutto nel periodo della vendemmia ed era più economica del miele o dello zucchero.
Questa ricetta anticamente veniva realizzata con della neve fresca a cui si aggiungeva la Saba.
Oggi sicuramente la Saba non è  diffusa più come un tempo perchè troppo impegnativa da produrre e, di conseguenza, più costosa di altri dolcificanti di più facile reperibilità.






INGREDIENTI:

4 limoni non trattati ( circa 150 ml di succo ) succo e la buccia di uno;

70 gr di zucchero semolato ( se la preferite più dolce aggiungetene 30 gr ma considerate che aggiungerete la Saba );

150 ml di panna freschissima;

450 gr di acqua;

un cucchiaio di Saba.




PROCEDIMENTO:

Spremete il succo dei limoni e tenetelo da parte.

In una pentola portate ad ebollizione l'acqua e quando raggiunge il bollore aggiungete lo zucchero e la scorza di un limone. Riportate a bollore e lasciate sobbolire per 20 minuti a fiamma viva. Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.

Nel frattempo mettete un recipiente in freezer a raffreddare.

Montate la panna fresca e aggiungete  lo sciroppo e il succo di limone.

Mescolate dal basso verso l'alto per evitare che il composto si smonti.

Mettete in freezer per circa tre ore a raffreddare mescolando ogni 30 minuti.

Servite guarnendo con un cucchiaio di Saba.

Se volete riciclare le bucce dei limoni tagliate a metà  che avete spremuto, potete utilizzarli privandoli dei filamenti interni e mettendoli in freezer per almeno un'ora prima di poterli utilizzare come originali coppette per servire il sorbetto.









Nessun commento:

Posta un commento