giovedì 25 febbraio 2016

NUVOLE DI MERINGA AL PARMIGIANO CON SALMONE



Spesso quando preparo un dolce mi avanzano degli albumi e credo che questo sia un problema comune a molte persone. Quindi. o si fanno le classiche meringhe che però necessitano di un " asciugatura " molto lunga, o si aggiungono alle uova intere per fare una frittata, oppure come in questo caso, io li ho usati per realizzare delle meringhe salate da servire come antipasto o come aperitivo. La cottura è abbastanza veloce, la consistenza croccante e il sapore leggermente dolciastro ben contrasta con il gusto deciso del salmone affumicato.




INGREDIENTI per 8 meringhette:

3 albumi a temperatura ambiente;

3 cucchiai di parmigiano grattugiato più quello per la finitura;

un cucchiaio di amido di mais;

un cucchiaino di zucchero semolato;

un pizzicho di sale;

q.b. di pepe;

una fetta di salmone affumicato.




PROCEDIMENTO:

Mettete gli albumi in una planetaria, aggiungete il pizzico del sale e montateli a neve fermissima. Mescolate l'amido di mais con lo zucchero e incorporateli un cucchiaino alla volta agli albumi. Una volta incorporato l'amido e lo zucchero, spegnete la planetaria e aggiungete un pò alla volta il parmigiano, mescolando delicatamente dal basso verso l'alto per evitare di smontare il composto. Insaporite con una manciata di pepe  e volendo aromatizzando con qualche spezia come per esempio la paprika o la curcuma. Prendete una teglia da forno piatta, imburratela e posizionatevi sopra un foglio di carta da forno ( in questo modo la carta non si solleverà ). Con un porzionatore da gelato formate sulla placca dei piccoli mucchietti di meringa ( devono essere di numero pari per poter essere accoppiate ). Spolverizzate con del parmigiano grattugiato e mettete a cuocere in forno ( modalità ventilata ) preriscaldato a 120° per circa 40 minuti o per il tempo necessario a rendere le meringhe croccanti. Lasciatele leggermente raffreddare. Nel frattempo tagliate a strisce la fetta di salmone, ripiegatela leggermente e farcite le meringhette. 
















Nessun commento:

Posta un commento