mercoledì 30 dicembre 2015

MINESTRA INVERNALE ALLA SARDA CON FREGOLA E LENTICCHIE

Oggi voglio presentarvi una ricetta gustosissima. Sarà che io vado matta per le minestre di verdura, i passati, le vellutate e i minestroni, ma vi assicuro che questa è veramente saporita. Come rappresentante della Sardegna per L'Italia nel piatto sono spesso alla ricerca di ricette tipiche tradizionali isolane e spesso mi capita di trovare zuppe di verdure, minestre e minestroni che forse neanche i sardi sanno di avere nel loro patrimonio gastronomico e che purtroppo con il passare del tempo se non verranno  tramandate e fatte conoscere saranno destinate a scomparire. Io nel mio piccolo sul mio Blog ve le propongo e ne tengo gelosamente custodite le ricette che voglio comunque condividere con voi.

A tutti Buon Appetito!









INGREDIENTI:

200 gr di lenticchie quelle piccole di montagna;

200 gr di fregola grezza;

una cipolla;

due carote;

il cuore di un sedano;

100 gr di pancetta dolce tagliata a pezzettini;

una grossa zucchina;

q. b di salvia fresca;

q.b. di olio extra vergine di oliva di ottima qualità;

q.b. di sale;

q.b. di acqua calda.






PROCEDIMENTO:

Mettete le lenticchie in ammollo per un'oretta. Mondate la cipolla e tagliatela a pezzetti piccolissimi. Lavate e tagliate a pezzettini il cuore del sedano e le carote. In una pentola possibilmente di coccio, aggiungete un paio di cucchiai di olio evo e fatevi rosolare leggermente le verdure. Aggiungete la pancetta e la salvia e continuate la rosolatura per un paio di minuti. Lavate e tagliate a cubettini la zucchina.




Aggiungetela alle altre verdure fatela rosolare due minuti, aggiungete l'acqua calda fino a coprirle e fate cuocere circa 15 minuti. A questo punto scolate le lenticchie e aggiungetele alle verdure, se necessario unite ancora dell'acqua calda e proseguite la cottura per 20 minuti, continuando ad aggiungere dell'acqua calda perchè tenderà tutto ad asciugarsi.Trascorsi 20 minuti, assaggiate, regolate di sale e aggiungete la fregola. Proseguite la cottura per altri 15 minuti e servite caldo con un filo di olio evo a crudo. La brodosità della minestra la decidete voi a seconda dell'acqua che decidete di aggiungere durante la cottura. La minestra ricordatevi che va controllata e girata spesso delicatamente con un cucchiaio di legno per evitare che il brodo si asciughi troppo e che tutto si attacchi al fondo della pentola.



Nessun commento:

Posta un commento